Commenti pagina:


Caricamento...

Caricamento...

Tutti, prima o poi, ci ritroviamo a fare i conti con quel battito del cuore che anela ad una VERITÀ più grande. Quel battito strano che ogni volta che "cadi" ti regala un nuovo inizio e allora ti rialzi e ricominci. Molti la chiamano determinazione, altri vita… ma molti altri associano questa forza alla FEDE.
Cos'è per te la FEDE?
Se vuoi puoi scriverlo liberamente in privato al don (339 6012725 - dongiuseppelusuardi@gmail.com). Provvederà lui a rendere anonimo il tuo pensiero prima della pubblicazione.
La prima cosa che mi viene in mente pensando alla parola fede è la fiducia. Per me avere fede è fidarsi, abbandonarsi alla comprensione del Signore, che è buono, di una bontà che la nostra difettosa mente umana non riesce neanche a immaginare.
La fede è aver Gesù presente nel cuore, o se non lo senti credere fermamente che Lui c'è!!!!
Avere fede è credere in profondamente in qualcuno sia che esso ci sia o che non ci sia... La fede segue la speranza che tutto può cambiare… che tutto può succedere...
La fede è fiducia. Mi fido di te… Posso, possiamo farcela... IO CREDO profondamente in TE.
Io non mi reputo una cristiana da esempio; mi sento di avere una fede grande come un granello di sabbia. Chiedo a Dio molto spesso di aumentare la mia fede, perché avere fede è come avere tanto ossigeno, respirare a pieno; io invece ho spesso paura e chiedo a Dio il dono grande della fede.
Per me la fede=fiducia nel prossimo, nella famiglia, la forza di andare avanti, il coraggio di guardare oltre di lasciarsi guidare i nostri passi dalla luce del Signore.
FEDE è ... fidarsi, affidarsi, dividere-con, non sentirsi mai soli, mettere tutto ai Suoi piedi, come mi hai insegnato tu Don, qualsiasi cosa!!! Spesso però prevalgono l’ansia, la paura, le preoccupazioni, come per gli apostoli sulla barca nella tempesta... ma la cosa meravigliosa è che proprio in quei momenti il Suo “non temere IO sarò con te” risuona nel mio cuore, facendo emergere la consapevolezza che Lui non ci abbandona mai, cammina al nostro fianco con il Suo sguardo sempre rivolto a noi!!!
Ne ho passate tante e Lui è stato sempre al mio fianco, anche quando non lo vedevo, non lo sentivo o dubitavo; per me la Fede è accettare Gesù Risorto che entri nella mia vita ed accoglierlo come un amico e con fiducia. Lui è la vita!
Mi hai chiesto cos'è la fede? Per me è la forza che mi aiuta andare avanti perché sento il bisogno di aiuto. Mi sento fragile, insicura; la vita è così difficile e la fede con la preghiera è un aiuto, un sostegno. Forse, a volte, la mia preghiera è sbagliata, ma spero tanto che il Signore mi accetti ugualmente. Il cammino di donna, moglie, mamma, non è facile, ma se faccio quello che mi dice il mio cuore… sono convinta di non sbagliare. Penso però che fede è anche dire grazie... Sì, anche se questa Pasqua è stata strana per tanti punti di vista, ho ringraziato, perché intorno a me avevo mio marito e i miei figli.
Credo che la fede sia credere in quanto non puoi e non cerchi neanche di vedere o toccare. Qualcosa che ti conforta nel dolore e ti aiuta in ogni momento della tua esistenza, che tu ne sia cosciente o meno...
Per me la FEDE è SPERANZA e FIDUCIA PIENA nel Signore.
Fiducia nella persona, nella persona che mi ascolta, nella persona a cui mi aggrappo nei momenti bui e disperati, nei momenti di rabbia e soprattutto nei momenti "del perché sempre a me? ma anche nei momenti di gioia… e mi ritrovo a cantare o urlare Grazie... Mi assale però un dubbio la mia Fede è "comodità?" Visto che non ho un giudizio immediato?
La fede è ascoltare la parola facendola tua, seguendo gli insegnamenti che Dio ci dà giorno per giorno, parlando con lui nell'intimità; a volte si chiede dopo una confessione quello che ti affligge e vorresti che si sistemasse tutto, chiedi di essere capito ed accettato da Lui nella sua casa ed essere esaudito ricevendo l'eucarestia, ringraziandolo per averci creato, per donarsi senza chiedere nulla in cambio.
La fede è una credenza che ogni persona si porta dentro. Per me la fede in Dio, soprattutto in questo momento, è importantissima: mi aiuta ad andare avanti nelle giornate. So che Dio è con me e mi protegge e prego che tutti stiano bene. Bisogna aver fede e crederci se no non avrebbe senso pregare e chiedere aiuto al Signore.
(Giovane) Ahhahahaha Dunque io su Dio ho sempre avuto dei dubbi e mi sono fatto un'idea. Io credo che esista Dio perché alle superiori ho fatto un incontro sull'esorcismo e un parroco me ne ha parlato e da quel giorno credo nel male e quindi credo nel bene… Non credo nelle bigotte né in coloro che si profetano santi… so di vivere nel peccato. L'esperienza a Lourdes mi ha fatto conoscere la speranza nel bene, e credo che questo possa essere definito come fede. Il far bene verso i bisognosi ti fa star bene.. forse la fede dovrebbe essere vissuta così.. Alla nostra età è difficile la fede così come viene intesa generalmente... Preferisco andare e aiutare un ammalato rispetto ad andare a messa
La Fede è non sentirci soli, ma sapere di avere sempre Dio al nostro fianco. Come in questa prova che la vita ci ha messo davanti: la fede è sapere non dobbiamo avere paura. Come nell’episodio evangelico della tempesta sedata, quando i discepoli hanno svegliato Gesù. E Gesù gli ha detto: perché avete paura, non avete ancora fede!?... ecco per me la fede è non avere paura.
La parola Fede per me è affidarsi. Nel corso della mia vita mi sono accorta pochi anni fa pensando a tutti gli avvenimenti che non sono mai stata sola. Proprio quando credevo di non farcela, di non poter superare quello che per me era insormontabile, ecco che qualcosa cambiava. Non sempre il cambiamento l’ho visto subito positivo, ma alla lunga ha risolto. Anche oggi devo dare prova di questo amore che DIO ha per me, per noi.
È Via, Verità e Vita... è Lui Gesù RISORTO, è preghiera, è pazienza, è croce, ...è tutto!
Per me la fede è qualcosa con la quale mi confronto tutti i giorni; quando arrivo a fine giornata mi domando ”se tutto è andato bene grazie a DIO”. E se non riesco a capire qualcosa mi rifugio nella FEDE.
La fede è lo stato dove cercare risposte.
La fede è avere la consapevolezza che le cose che stai facendo nella tua vita sono giuste, aiutando gli altri in tutti i modi, sacrificando te stesso. Avere fede significa credere che anche nei momenti bui arriverà la luce, che purtroppo le cose che appaiono ingiuste sono all’interno di un disegno più grande di noi.
Io ho ricevuto il battesimo, la cresima e la comunione, il vincolo del matrimonio, quindi dovrei avere fede, cioè credere, ma sentire che dei cattolici hanno la faccia tosta di incolpare il Papa di questa pandemia? O dargli del comunista perché vorrebbe un'economia solidale. Si può essere cristiani senza avere fede? Credo di sì, San Tommaso né è la prova, troppo facile l'alibi del libero arbitrio come giustificazione, non è anche questo un lavarsene le mani?
Cosa è per me la fede? Ho smesso ormai di chiedermelo da un po’… So che c’è un Dio, ma io non lo vedo, ormai non lo vedo da tanto… Mi dico spesso che lui è lì, c’è e c’è sempre stato, ma io non lo vedo. Vado al buio ogni giorno, ormai rassegnato che è andata così… è andata così, con un figlio che non sta bene, è andata così con una moglie invadente a cui non ho saputo tenere testa ed è andata così lasciando un lavoro che mi manca così tanto da togliermi il fiato ogni volta che ci penso.
Tutto quello in cui ho creduto l’ho lasciato andare e forse anche la FEDE.
Beh quando so che non riesco e sono poi riuscita…mi guardo e non mi dico brava, ma ringrazio, ringrazio Gesù, Gesù misericordioso. Mi batte nel petto piango… perché se non mi avesse sorretto LUI io non c'è l’avrei fatta...
"SPERANZA" di vita, di gioia, di trovare sempre una soluzione ai problemi, di credere che tutto si risolverà, e che ci sarà sempre un modo (anche se non il mio)… perché Dio ha un progetto unico e meraviglioso per entrambi.
La Fede è credere di potercela fare sempre anche nei momenti più bui, la Fede deve e fa parte di te, è il Dono che nostro Signore ci ha fatto. Tutti abbiamo ricevuto questo dono, ma non tutti lo hanno scartato, ma il Signore è paziente e sa che prima o poi tutti apriremo il nostro cuore alla Fede. La Fede è fiducia.
La fede.... Ci ho pensato molto su che cos'è per me la fede...
Fede vuol dire fiducia.... E spesso la fiducia si può indebolire.... Rafforzare... Ti fidi di una persona e questa ti può deludere, ferire... Ma la fede in Dio è sicuramente un’altra cosa.... Io posso essere arrabbiata o delusa o essermi dimenticata di Lui....... Ma Dio è sempre li... Non si è mai allontanato, non ti ha mai tradito... E si presenta a me in mille modi: nelle piccole gioie, nei segni e prove della vita... E per capire ciò devo guardare non con i miei occhi anatomici.... ma con gli occhi del cuore, dell’anima, del mio più profondo e lo vedo, lo sento... Ecco cos'è la fede.... La fede per me è non perdere mai la speranza che Lui mi sta accompagnando nel lungo e difficile cammino della mia vita...
Per me fede è un bacino di tante belle situazioni in cui sarò coinvolto perché ho fede o prima o dopo nel bene o spero di no nel male ...ma oggigiorno cos’è la fede? Io LUI l’ho sempre attorno tutto il giorno con me, per fortuna; basta che mi giro: animali, piante, persone, fratello, sole e sorella luna, e spero sempre di vederlo, servirlo ed ammirarlo in qualsiasi forma mi si parerà d’innanzi
La fede è ciò che guida i miei passi nella tempesta. La mia fede in Gesù e nelle sue parole/azioni che leggiamo nei Vangeli e negli insegnamenti profetici dell'AT.
Penso di essere sempre stato un convinto materialista, ancora di più dopo ciò che mi è successo. Mi dispiace ma non ho risposte in merito.
In questi ultimi anni parecchio duri ... per me la fede è stata la mia forza ... il sentimento a cui mi sono aggrappato per andare avanti ... mi ha permesso di continuare a lottare per continuare a perseguire quelli che sono i miei desideri. E stato il sentimento che mi ha guidato e aiutato ad essere un buon padre ... e un buon figlio ... ci provo almeno ... non mi ha fatto sentire solo ... ecco cos'è per me la fede… è la mia FORZA
La fede? In una sola parola è speranza...
...vuol dire vivere dell'Essenziale, affidarsi all'Essenziale
La fede è un granello di sabbia che il Signore ha seminato nel mio cuore e che mi richiama continuamente. È un rumore di fondo che, anche nelle prove della vita, non si affievolisce mai anche se è messa dura prova.
La FEDE per me è RICCHEZZA, protezione, conforto, speranza, è la forza che mi fa affrontare il quotidiano...
La fede per me è accettare, arrendermi al fatto che Dio mi ama.
Accettare e arrendermi al fatto che io non sono in questa vita per caso e che Dio ha un progetto che è per me da scoprire e portare avanti.
Accettare e arrendersi al fatto che tutti noi esseri viventi siamo amati da Dio e che Dio ha un progetto per tutti noi, per ciascuno di noi.
Accettare e arrendersi al fatto che tutti siamo collegati da questo unico Amore e che amandoci come Dio ci ama possiamo scoprire il nostro progetto e aiutare gli altri a scoprire il loro, non imponendoci, ma accettando che siamo tutti messaggeri di Dio, quasi sempre inconsci del messaggio stesso che portiamo all' altro.
Ecco perché nulla avviene per caso: gli incontri che facciamo, gli eventi che ci accadono.
Tutti sono e siamo esempi di percorsi da seguire o da non seguire. Sta a noi capirlo. Questa è Libertà: imparare quale sentiero non fa per noi è altrettanto importante che imparare quale sentiero fa per noi.
Non esiste il destino, perché Dio ci lascia liberi di scegliere come sviluppare il nostro Progetto, come scoprire il nostro Essere.
Noi dobbiamo fare la nostra parte per la nostra Felicità e quella degli altri.
Essere cooproduttori della Felicità dell'altro non significa quindi imporre il nostro cammino, la nostra idea, il nostro credo, ma accettare che l'altro, come me e diverso da me, faccia il suo percorso anche se per me incomprensibile.
Posso condividere il mio percorso, ma non imporlo, perché non posso sapere qual è il progetto che Dio ha per l'altro.
Fede è anche affidarsi, sentire che Dio è il misericordioso che ci accoglie nei momenti più duri, di prova, ma anche nei momenti più belli.
I santi sono esempi di fede.
La fede mi porta a credere che anch'io sono nata per la santità, che non è trovare l'appoggio e l'approvazione degli altri esseri umani, ma è la via per la mia vera Felicità seguendo Gesù come Maestro.
Mai come in questo momento mi rendo conto di quanto mi manca l'Eucarestia, la santa Messa. Le sue parole mi fanno capire Gesù che mi dice: io sono l'acqua viva, vieni, non avrai più sete. Mi rendo conto di averne un bisogno incredibile per mortificare il mio orgoglio e aumentare la mia fede. Le sue parole mi hanno reso felice, si felice, perché Gesù è risorto; io sono cristiano con tutto il carico dei miei peccati ma sono felice, Gesù è veramente risorto.
Credere è imparare a farlo un po' per volta. Ci si accorge di Dio nella propria vita man mano che lasciamo che ci venga a cercare, lì dove più pensiamo che Egli non ci sia
La fede è credere in Gesù e amarlo.
Per me la fede e credere alla Parola di Dio, credere senza aver visto con i propri occhi. La Fede è impalpabile, e difficile a volte credere che esista tanta sofferenza nel mondo, ma sei hai fede sopporti meglio perché la fede viene da dentro il cuore li dove c'è Gesù.
La fede è 24 ore di dubbio e un minuto di certezza ma per quel minuto vivere tutta la esistenza con lo sguardo rivolto a colui che hanno crocifisso
Per me la fede è... La luce quando si fa buio nel cuore... È speranza quando giunge la disperazione… Sentire che hai qualcuno sempre al tuo fianco che non ti lascia mai solo... anche quando sei in mezzo alla folla... È fonte di vita quando dentro ti senti morire..
E' la bussola nella vita x seguire le vie dell’amore, speranza carità, perdono anche quando sembra impossibile ...ti sprona a fidarti di Lui...e ti fa dire GESU' Confido in te!.. Sia fatta la tua volontà ...Amen
Per me la fede è la comprensione del dolore, l’inesauribile forza del donare perché con certezza so che ci saranno germogli. E da tutto questo derivano speranza e gioia.
È un fermento, una forte vibrazione che mi dà gioia o dolore, ma anche consapevolezza di avere un porto sicuro dove rifugiarmi e attingere vita ogni giorno.
La fede in Gesù è il desiderio di sentirsi figli amati e preziosi, chiamati all’eternità e non alla polvere della morte. Stupirsi quando si sente il nome di Gesù e desiderare di conoscerlo e incontrarlo attraverso i sacramenti, le scritture e la Chiesa e la vita dei Santi, Desiderare di amare e donare la nostra vita, cercare di trasformare il nostro egoismo per andare incontro alle persone che abbiamo sul nostro cammino e aiutarle a vedere e vivere la bellezza della pace, della libertà del rispetto reciproco, condividere gioia e dolori. Guardare a Gesù come unica guida, attendere il suo aiuto anche quando sembra tardare. Unire i miei sentimenti ai suoi, nella prova nei momenti di deserto, di buio, ma attendere perché certamente verrà. Guardare alla Croce come un’incomprensibile dono di amore, che implica la sofferenza, e non avere troppa paura della sofferenza perché Lui ci porta in braccio se glielo chiediamo. Arrendersi davanti alla Croce, spogliati di tutto ciò che crediamo di possedere, e con Maria piangere in silenzio. Pregare per i fratelli nel mondo che vivono ingiustizie e crudeltà, e testimoniare che la violenza non viene da Dio ma dal demonio. Abbandonarci come creature, come bambini, e riconoscerlo come Creatore buono anche quando non comprendiamo tutto. Sentirsi figli amati, anche se siamo sempre impastati di egoismi e di chiusure, e lasciarci trasformare nella vita quotidiana anche e soprattutto nelle difficoltà. Vivere i nostri giorni, il nostro ruolo familiare e sociale con la consapevolezza che saremo giudicati per quanto avremo amato, donargli le umiliazioni, le fatiche, le prevaricazioni i giudizi… che sentiamo come ingiusti, che inevitabilmente viviamo nella vita sociale e a volte familiare. Vivere la gioia di sentirci utile nelle piccole cose, e nella comunione di fede con i fratelli e i sacerdoti. Difendere la verità della fede in Cristo, anche quando è scomodo, discernere ogni giorno il bene dal male. La fede in Gesù è sicuramente molto altro ancora, in sintesi… come Pietro, mi sento di dire “dove andremo Signore, solo tu hai Parole di Vita Eterna”!… come la Maddalena, riconosco che Gesù è un’Amore diverso da quelli che aveva conosciuto, che l’ha liberata da tutte le schiavitù e che la rende libera e forte in una vita nuova... come Maria, riconosco che la Maternità di Gesù l’ha innalzata e resa forte nel suo silenzio per essere corredentrice capace di accettare noi come figli, noi che abbiamo spesso dimenticato tradito, offeso o rigettato Gesù …
Per me la Fede è la certezza che il Signore mi ama così come sono, povero peccatore, ma figlio suo, sempre pronto a farmi gustare la gioia della sua misericordia; mi chiede solo di accogliere nel mio cuore Cristo.
La fede è certezza: che qualcuno mi ama nonostante il fatto che tu ti scordi di Lui; che nonostante tutto ci salterai fuori in un modo o in un altro; che quando meno te lo aspetti “qualcuno” ti tende la mano; che nonostante tu stia errando qualcuno ti perdonerà. La fede è come qualcosa che conosci bene, ma non sai descrivere …altrettanto bene; non sai quando è nata, sai che è venuta, ma sai che nessuno te la può rubare/prendere. Puoi rifiutarla, ma sai di non poterne fare a meno; al contrario, puoi cercarla, ma non si trova al primo “colpo”. La fede è un grande tesoro, ma non lo puoi vendere e scambiare.
La fede è quel seme che il Signore ha messo nel mio cuore e che mi ha chiesto di farlo germogliare. Poi lui si è anche accorto che non annaffio e curo a sufficienza, quindi mi ha mandato delle persone speciali che mi possano aiutare e che mi ricordano che lui ha molta fiducia in me.
Io non so che cos'è la fede, io voglio fare della mia vita quello che voglio, fare quello che mi piace, poi c'è qualcosa che mi costringe a fare quello che non voglio, andare per una strada che non avrei percorso, e cosa incredibile sono felice.
La fede, essere un brav'uomo non sono un merito. Sono un dono incredibile, sono il dono della FELICITÀ
Essere certo che la morte non ha l'ultima parola perché Gesù che è figlio di Dio, morendo in croce, ha distrutto la morte e ha aperto il paradiso a noi peccatori
La Fede x me è la chiave per l'accesso alla vera gioia, quella che viene dalla presenza di Cristo nella nostra vita, perché portatrice di forza, speranza, coraggio, libertà da tutto ciò che è superfluo e soprattutto portatrice della consapevolezza, irrinunciabile, che Cristo ti ama e ti è sempre accanto. È un dono meraviglioso!
La Fede x me non è pregare Gesù o Maria quando sei in difficoltà e hai bisogno di aiuto. Sì è anche questo perchè lo facciamo tutti. Ma per me è soprattutto essere sicuri che Dio ti ama e che tutto quello che hai e che ti succede di bello nella vita è un dono che Lui ti fa. E' troppo poco questo Don Giuseppe x dire di avere Fede?
Cos’è la Fede? Chi non vorrebbe sentirsi sostenuto quando in difficoltà, perdonato nel peccato, amato quando solo? La Fede è questo: è non avere paura, è affidarsi. Ma io riesco sempre ad affidarmi e a non aver paura?
Anche oggi la croce è molto pesante da portare. Ma io ci sono e ci sto perché comunque la sofferenza di Gesù e di Maria mi aiutano a tirare avanti. Adesso sono molto angosciata e non riesco a parole a descriverlo: riesco solo a piangere.
La Fede.. È aver fiducia che ilSignore non ci abbandona mai. Anche quando pensiamo di essere soli. Lui è sempre vicino a noi. Se “ascoltassimo” sentiremmo che c'è e ci ascolta sempre.
La fede è una grazia, la grazia di aver incontrato il Signore. È anche la salvezza, per sopportare i momenti difficili e gustare appieno i momenti belli di questa vita, in attesa della vita eterna.
La Fede è una sicurezza che Ti aiuta a superare i momenti difficili, è una felicità quando posso ringraziare Dio per una cosa bella.
Cos'è per me la fede don? È amare la mia famiglia e pregare ogni giorno per chi ne ha più bisogno, perché non mi immagino nemmeno il dolore di una persona che sta soffrendo. Da peccatrice quale sono io la penso così. Il mio Signore mi ha creata così e un motivo ci sarà. I suoi progetti per me non li so... ma confido in lui. I suoi tempi non sono i miei.
La mia fede, la mia fede è essere fedele ai comandamenti che Dio ci ha dato. E poi, secondo il mio pensiero da misero, ognuno di noi deve credere in qualcosa di buono, altrimenti ci sarà solo la pazzia.
La fede… sai che ti vuole bene per come sei, ma è capace di tirare fuori da te il meglio e ti inserisce in un progetto che è il migliore per te e ti porta alla tua completa realizzazione. Questo me lo ha fatto provare il mio papà, quindi con Dio tanto di più. Poi, sempre dalla esperienza personale, mio padre mi voleva bene e me lo dimostrava in tanti modi: come era contento quando io lo contraccambiamo con le parole, i gesti o le azioni per cui poteva compiacersi di me! Così penso che sia anche per il Signore, quando gli manifestiamo il nostro amore, ringraziamento, la nostra lode e agiamo secondo il Suo esempio.
Mi ha colpito il “Cadi e ti Rialzi”. Quante volte purtroppo succede nella vita. Certo che ci vuole determinazione ma senza Fede non si va da nessuna parte. La Fede per me è Amore. Amore per la famiglia, per il lavoro, per i poveri, per gli ammalati, per chi non crede. La vita oggi è ansia, insoddisfazione, malessere. Senza Amore non c’è felicità. Devo ringraziare il Signore per avermi donato questo grande Dono che è la Fede.
Fede significa fiducia, sentirsi in compagnia di un amico molto speciale che è presenza costante, che perdona, che gioisce, che supporta, che mi ama. Fede significa ascoltare con il cuore.
Aver fede in chi? Non ti ricordi come piangevo con te per la malattia di mio figlio? Prima c’eri tu e chissà; adesso non ho voglia di ascoltare nessuno. Ogni tanto anche quando sono solo prego, ma non per recuperare, chiedo che le persone a me care stiano bene e che se deve si prenda me. La fede? L’ho persa. Cos'è non vado bene? La malattia di mio figlio mi ha stravolto… e ho imprecato contro Dio, perché lo avevo sempre ringraziato. Forse sono in errore…
Fede: trovare l'alba dentro l'imbrunire
Posso solo dire che la fede è un dono di Dio... Un dono prezioso che può essere accettato o anche rifiutato. La bellezza è questa. È un dono pieno di libertà e di amore. Io non so che cosa sia la fede, posso dirti che ogni giorno prego perché il Signore mi doni la Fede.
La fede è un dono. Un dono che ti rende potente, quasi invincibile. Una sorta di supereroe che ha come unica arma l'amore. Dici poco?
Penso sia umana la tua reazione, anche Gesù si sentì abbandonato dal Padre sulla croce, ma volendo rimanere consapevole della significatività della propria vita disse: “non la mia ma la tua volontà” che significa “fa’ che io, anche in questo momento, abbia a dare il meglio di me x gli altri (scopo della vita di ognuno). E tu in quel momento… ok ti sei arrabbiato, etc, ma alla fine hai cercato di fare la tua parte... che senz’altro sarebbe stata meno angosciante se vissuta con Lui. Dice il Signore: “venite a me voi tutti che siete affaticati e oppressi e io vi ristorerò”. ... e in un altro passo che chiarisce che LUI rispetta x fortuna la libertà nostra e della natura (chi ama non può non fare così) dice: “Io sono venuto per portare l’olio della consolazione e il vino della speranza”... ciò di cui ha usufruito Gesù e anche noi, se vogliamo, x essere alla altezza di ciò che la vita ci chiede.
Mia madre aspetta che io torni dal lavoro, aspetta tranquilla senza aver paura, perché è sicura che io arriverò.
Tu chiedi cos'è per me la fede? Io credo che sia un'ancora di salvezza, qualcosa che credo fermamente, nella quale attingere in ogni momento, triste o felice che sia.
La Fede per me è credere incondizionatamente, senza alcun dubbio; è storia; e senza fatica, volerla a tutti i costi; senza la Fede morirei, non potrei vivere, è parte di me. E potrei continuare all'infinito.
La Fede è principio e fine ultimo della ragione. È la forza, il coraggio, l’umiltà, l’intelligenza dell’affidamento quando la più intelligente delle intelligenze e la più forte delle forze non possono, più. La fede è ancora motore della nostra esistenza. Perché la fede è Dio con noi, Dio in noi, se apriamo il cuore e la mente a Lui. La fede non è uno sforzo umano di “produttività”, iniziativa, volontà, per raggiungere un obiettivo. È proprio un gesto di apertura e affidamento a qualcosa che c’è e si può accogliere, come no. La fede è invocare, accogliere lo Spirito, nella consapevolezza che l’uomo è niente senza Dio. La fede è certezza della speranza che Dio è Via, Verità e Vita, a dispetto degli inganni e delle tentazioni che un mondo, oggi discepolo di Satana, offre come vitello dorato a una umanità sazia e disperata, perché ogni giorno continua a crocifiggere Cristo con la sua avidità e ottusità, causata dal ripudio della fede.
La fede ha la forma di un abbraccio perché ti accoglie, è qualcosa che ti scalda anche alle temperature più basse a cui il cuore può arrivare.
La fede è una casa, di solidi mattoni.
La fede ha le sembianze di un amico, perché è qualcosa di conosciuto, di vissuto profondamente.
La fede ha la forma della bibbia, perché da lì tutto ha inizio.
La fede ha la forma di una scarpa con il tacco dodici perché sa farti sentire di star camminando più alto della semplice linea di terra ma un tacco con plateau, che ti renda comunque confortevole il cammino.
La fede però può avere anche forme completamente opposte, in alcuni momenti della vita.
Allora è una fede che ha la forma di pochi mattoni, di cui sembra anche di non sapere bene come e dove posizionarli nella propria vita.
La fede può diventare uno sconosciuto perché senti di “non meritare” quel messaggio d’amore che Dio ti offre.
La fede può essere anche un paio di scarpe da tennis “fuori moda” o di qualche numero in meno quando non riesci a ritrovarti in ciò che “l’avere fede” richiede o quando non hai il coraggio di dire che quelle scarpe, anche se non le porta più nessuno, a te piacciono e le senti tue.
Essere un giovane e avere fede non è cosa semplice anche se si auspica sempre a che “la propria” sia salda e ben radicata. A volte invece ti accorgi di essere miseramente fragile e imperfetto, non riesci a fare a meno di cose che, alla fine, sono solo vizi. E allora ti senti nudo, senti di non poterti dire “uomo di fede”, perché il messaggio che essa ha in se’, tu non riesci ad onorarlo, cadi anche quando dici “adesso basta, miglioro”.
Non credo si possa dire che la fede o ce l’hai o non ce l’hai perché chiunque crede, chiunque ha fiducia in qualcosa anche se questo qualcosa non sempre ha il nome di Dio. Credo che la discriminante fondamentale sia la costanza di tenere viva la fede e ancor prima il coraggio di lasciarsi abitare da essa.
Ciò, per me, significa sentire nel cuore un calore immenso, un’onda d’amore che ti perdona di ogni tuo errore e che ti ricorda che qualunque ferita o “bozzo” tu abbia nel cuore, Gesù ti ama, ti chiama, ti accoglie e ti abbraccia. E la vita, nel suo senso più pieno, è tutta lì, in quel sentirsi così “amati a prescindere e fin da sempre”.
È un’emozione molto difficile da descrivere e credo, anche un po’ impossibile da riportare a parole. Ne ho fatto esperienza quando il mio cuore è stato spezzato, ancora una volta; il lavoro era davvero difficile e mi sembrava di annegare in un mare di paura e senso di inadeguatezza. Poi c’é stato un ritiro d’avvento a Marola ed è lì che ho sperimentato quella forza della fede che ti porta a camminare “sul tacco dodici ma con plateau”, senza alcun senso di superiorità anzi di stupore e timore.
Ero ad un’altezza nuova, ad un’altezza che mi rendeva, ciò che avevo sempre avuto davanti agli occhi, come diverso, come “visto per la prima volta”.
Da lì per me è iniziato un percorso per affrontare la vita imparando a rispettarmi, scegliendo chi e cosa mi facesse bene e chi e che cosa no.
È iniziato un cammino anche di pazienza e di reale affidamento a Dio, per tutte quelle persone da cui mi sentivo vessata, continuamente alla ricerca di un motivo per non farmi sentire una buona ragazza, una buona amica o un’insegnante capace e libera in ogni sua azione da “antiche alleanze”.
E se, stupidamente, credevo di essere “arrivata” a giugno il mio cuore perde un suo pezzo che se ne va’ in una tragica fatalità che colpisce un mio caro amico. Non mi perdono di non riuscire ad andarlo a trovare. Aspetto ancora i suoi auguri, mai arrivati.
La fede vacilla tra le domande “perché un messaggio d’amore passa attraverso la fine di una vita? Come può? È giusto? Lo sento solo io?”, “perché e come fare di questa croce, che non voglio, un’esperienza d’amore?”, “ma lui lo sa quanto per me sia stato importante? E io, per lui, lo so? Me lo ricordo?”.
La fede trema: da quel momento, il senso della vita e delle relazioni subisce una scossa importante, il mio modo di incontrare l’altro si toglie di tanti “orpelli”, “corazze”, “tempi” senza comunque divenire un incontro di fiducia aprioristica con chiunque. E anche in questo dolore, anche mentre sembra che tutti riescono a continuare ad andare avanti e tu ne hai paura perché credi significhi dimenticarlo, ci sono incontri, non programmati, ma da tempo sperati, che ti offrono amore, consolazione, esempi diversi di una fede “meno stanca e sfiduciata”.
Seppur in modo molto diverso, lasciarsi amare da un amico o da un fidanzato è forse l’espressione di fede più autentica e bella di cui si possa fare esperienza, perché richiede che tu prima abbia imparato ad amare te stessa.
Per me la fede è sapersi affidare a Dio in modo incondizionato, con la consapevolezza di inciampare… ma con la volontà di ripartire.
La Fede è un credo: la si deve sentire nel profondo del cuore.
La fede per me è una fiamma accesa dentro di noi. A volte la senti più accesa, altre volte più fioca, ma sta a noi tenerla viva con l'ascolto della Parola di Dio e l'agire con e per gli altri secondo la logica dell'Amore. Alcune volte la fiamma può spegnersi ed è lì che occorre rimboccarsi le maniche perché ci si sente lontani dalla Salvezza e questo non ti fa essere sereno. La fiamma della fede non si riesce a tenere solo per sé, sebbene sia un dono da custodire gelosamente, ma ti porta a voler accendere anche le fiamme di chi sembra ce l'abbia più fioca o spenta (stando attenti a non cadere nella tentazione di credersi Dio!), a condividerla con chi la sente accesa e a trasmetterla a chi ancora non la sente ma che ha voglia di sentirla accesa. Vorresti che tutti sentissero la fiamma ma impari a capire che per ognuno di noi Dio ha un progetto, un percorso di vita e di fede diverso e che va rispettato.
Avere fede vuol dire credere in qualcosa nonostante la sua invisibilità. In questo momento particolarmente difficile in cui stiamo vivendo, può riferirsi alla speranza e alla fiducia in Gesù Risorto che potrà darci la forza per non lasciarci abbattere dalle molteplici difficoltà, di fronte alle quali l'emergenza sanitaria ci pone.
La fede x me e tutto quello che ti aiuta ad alzarti quando cadi quando tutto e nero ti ridona la luce ti aiuta ad affrontare le malattie più atroci che colpiscono tuo figlio, la morte della persona che era diventata tuo marito, ecc..ecc… ma infondo ti da sempre una speranza e una luce; ma la cosa più importante e grande è che ti aiuta ad amare sempre di più il nostro GESÙ e di proseguire la strada che Dio ha disegnato
Rinascere ogni volta; una prova che sicuramente vale la pena superare. Ma per niente facile. penso io. Il problema è che è un cammino faticoso e insidioso. Ma ci provo.
Per me la Fede è Speranza e Fiducia in qualcuno e in qualcosa di migliore di noi e del tempo che stiamo attraversando non solo ora ma sempre.. Io ho fede per qualcuno di cui mi fido e al quale mi affido.. Buona giornata
Penso di avere fede, che per me significa essere in relazione con Dio, che è Amore; mi affido a Lui, ci parlo e ci discuto, ma soprattutto conto su di Lui non per fare miracoli, ma per aiutarmi ad aumentare la mia fede, e perché abbia a convertire il cuore di chi si è allontanato. Nei momenti duri e difficili della vita lo sento vicino e mi aiuta a superarli. Nonostante io creda, preghi, frequenti e lo ringrazi tutti i giorni, mi chiedo: "Sarà fede la mia?"
La fede per me è la consapevolezza che Dio ha le risposte che io cerco, ma che non so trovare da solo.
Credo che per me fede sia cercare di affrontare ogni giornata, anche la più dura col sorriso e la tenerezza che voglio infondere ai miei cari per trasmettere loro serenità e fiducia, ma a volte è difficile!
Buongiorno per me la fede è la forza che mi da il Signore di affrontare giorno dopo giorno sia nel bene e nel male! Prima avevo tante incertezze, ma grazie alla fede mi sento la pace nel cuore e affronto tutto e tutti sempre a secondo della sua volontà, e lo ringrazio perché mi ha donato tutto questo.
È quell’immenso ringraziamento a Maria di aver generato un figlio di nome GESÙ che mi ha fatto diventare una persona credente, cosa che prima non ero; per cui ringrazio sempre Dio …e tutti i giorni mi rivolgo a Lui con immenso amore che mi da la forza di alzarmi e continuare a vivere nella mia famiglia e pregare x loro, xchè solo credendo in Lui io mi sento felice e sopporto le mie sofferenze che cominciarono a 20 anni ora ne ho un bel po’ di più.
La fede è la speranza che tiene unito l'uomo a qualcosa di più grande di lui; un'onnipotenza mai vista, ma alla quale si crede profondamente.
Che cos'è per me la fede? Che domanda impegnativa... è da un po' che ci penso... poi arrivi tu e fai la domanda così, a bruciapelo... in effetti scrivendo qualcosa schiarisce... Chiedo tutti i giorni nella mia preghiera che il Signore aumenti la mia fede, perché, penso... se avessi più fede vivrei alcuni aspetti della mia vita in modo meno tormentato e con più serenità. Fede comunque penso abbia due aspetti: la fiducia in Dio e l'affidarsi completamente a Lui. Sapere, essere certi di non essere mai da soli e dall'altra parte di non potercela fare da soli...
Fede è prendere coscienza che nonostante tutto viviamo nella pienezza dei tempi, in un tempo favorevole…che lo sguardo di Gesù si posa sulle mie fragilità senza giudicarmi o condannarmi e che mi manda ad annunciare alle persone che ho intorno che Gesù è vivo e consapevole anche che è sempre altro….non incapsulabile in formule o progetti troppo rigidi.
Quando metti in pratica gli insegnamenti di Dio stai bene.
Ci sono comportamenti che tutti gli uomini devono attuare nella loro vita: onestà, trasparenza sincera, impegno a fare del proprio meglio, cura dei figli e della propria famiglia, rispetto degli altri nella gentilezza e nella solidarietà, etc.. Anche il cristiano deve vivere una vita "onesta buona" come tutti, basandosi sugli insegnamenti di Gesù, oltre che sulla propria coscienza, per essere aiutato a distinguere il bene dal male. Tuttavia, ci sono 5 cose tipiche del cristiano: senza di essere non possiamo dirci veramente cristiani. Forse simpatizzanti, forse ammiratori di Gesù, forse gente onesta, ma non cristiani, cioè MEMBRI ATTIVI DELLA CHIESA e DISCEPOLI di Cristo. I 5 pilastri...
1) leggere il Vangelo: ciò che Dio ha fatto e fa per noi.
2) partecipare all'Eucaristia (Messa+Sacramenti): non ci salviamo se non nella riconoscenza concreta di ciò che Gesù ha fatto per noi.
3) Pregare Dio, il Padre ogni giorno, insieme con Gesù nello Spirito Santo: noi siamo per le cose possibili, con Dio x quelle impossibili.
4) Amare gli altri COME Gesù fino dare la vita per loro. Il cristiano non fa volontariato, ma è carità.
5) partecipare fisicamente alla vita di una comunità cristiana, la Chiesa, così da amare il territorio nel nome del Signore.
Fede x me è riconoscere un Altro che mi fa che mi accompagna non mi abbandona....ma non è mio servitore, non mercanteggia favori… Me ne sono accorto personalmente dopo la separazione: un anno e mezzo senza dormire e supplicare finissero i tormenti, i pensieri e i flash di immagini parole rimandi al passato che non mi lasciavano vivere... e Lui niente....finché ormai disperato non mi ha liberato nel modo più assurdo e improbabile che potessi immaginare....nemmeno un battito di ciglia ed ero un uomo nuovo, trasformato....E con 5 precetti da ricordare, infatti non me li scordo, me li ha stampati nel cervello, scolpiti a sangue... e dopo la salvezza il riconoscimento che se sono fatto così è xké vado bene così....se mi saprò spendere in genuinità e semplicità di cuore
Cos'è la fede x me? Più di 30 anni fa mi fu regalato un libro in cui trovai una definizione che stampai su due segnalibri: “AVERE FEDE è consegna di sé e della propria opera al mistero della GRAZIA DI DIO che ha i suoi tempi e le sue misure non corrispondenti ai tempi e alle misure degli uomini”. Questo concetto mi colpì e ho nel tempo cercato di farlo sempre più mio e mi ha aiutato tanto nel cercare d'imparare ad affidarmi, a mettermi nelle mani di Colui che tutto può. Rendo GRAZIE x questo dono GRANDE.
Come dico sempre a mia moglie, non preoccuparti, Dio vede e provvede, abbi fede... Ecco...
Io ho una fede della nuova spiritualità... Credo in un unico Dio che ha creato e che dimora all'interno di ognuno di noi,... Non credo nelle religioni e nelle istituzioni.
Della Fede penso che sia l unica nostra luce in fondo a questo tunnel buio pieno di insicurezze e ostacoli; è l unica cosa che mi permette e permette alla nostra famiglia di andare avanti con fiducia, perché sappiamo che Dio ci ama immensamente sempre a prescindere dai nostri errori… e che andrà tutto bene. Alterniamo momenti di sconforto con la rabbia e altri di serenità con il piacere di stare insieme, di vivere i figli e di vederli crescere. In una vita solitamente frenetica si fa fatica ad apprezzare lo stare insieme. Ogni giorno provo a essere una persona migliore con la speranza di riuscire.
Sto riflettendo su quel "Amare la vita in Lui costi quel che costi " di ieri. Un padre cerca sempre il meglio per i propri figli. Ma quando un figlio non sta bene… uno come me che crede se la prende con quello in cui crede e gli chiede perché? Visto che credo in TE, ti prego prenditela con me, lascia stare le persone che amo più della mia vita. È troppo? Ecco perché poi uno perde la fede.
Fede vuol dire abbandono fiducioso e fattivo a Dio con la certezza della Sua fedeltà all'alleanza in Cristo.
La fede è quello in cui credi a prescindere da qualsiasi cosa. È ciò che ti fa andare avanti nel nome di .... quello in cui credi ....
Cos'è x me la fede!... beh a volte sono presuntuosa e se faccio qualcosa di bello mi dico come sono stata brava!.... quando sono distrutta.. e ho tanti problemi, xke come dicevi prima ...bisogna provare un po’ le scarpe dell’altro prima di giudicare! Ed è verissimo!
Dio non lascia nulla d'incompiuto. Lui che ha cominciato l'opera buona, la porta a compimento. L'inizio è la garanzia del compimento. Aspetta con pazienza, e ogni giorno ricomincia l'avventura della fede. Sappi rischiare. Abbandonati all’imprevisto di Dio, sotto la guida del Suo Spirito. Queste sono le parole che mi ripeto tutti i giorni e spero di arrivare alla conversione.
È difficile spiegare il significato della fede… ma almeno di una cosa sono certa… che per me la fede è tutto. La fede è ciò che mi dà la forza di andare avanti, ciò che da un senso alla mia esistenza... senza la fede non ci potrei stare... e ringrazio enormemente Dio di aver la fede, (specialmente alla mia età)... quella fede che purtroppo tante persone non hanno nel Signore. Penso anche che la fede, sia molto preziosa: la paragono a un fiore. Il fiore va curato e annaffiato tutti i giorni affinché non muoia, così anche la fede. La fede deve essere curata tutti i giorni affinché non muoia.
Avere fede in qualcosa significa credere che quella cosa sia Vera è importante per la mia vita. Senza la fede è impossibile essere graditi a Dio. Chi infatti si accosta deve credere che Egli esiste e che Egli ricompensa coloro che lo cercano. La fede consiste nella certezza data dalla grazia divina. La fede è un dono gratuito di Dio…
In questi giorni ho perso un mio familiare per colpa del virus. Ne io ne i suoi figli abbiamo potuto stargli vicino e non sappiamo neppure quando verrà sepolto. La nostra Fede però ci ha aiutato a credere che adesso lui è vicino a Dio che l'ha accolto tra le sue braccia.
Fin da piccola credevo in Dio, mi sembrava di averlo vicino, e ho avuto Fede sempre di più.
Grazie a Lui che ci ha creati e tutti quelli che ci circonda. Ha sofferto e morto x noi
Abbracciare il Signore per abbracciare la speranza: ecco la forza della fede, che libera dalla paura e dà speranza.
Essere sicuri che Il Signore, non ci lascia in balia della tempesta, questa per me è la fede sentirlo vicino a me e con me
Fede è fiducia eterna in Dio eterno
Io non ho avuto una vita facile, quest'anno ho avuto il tempo di vivere la Settimana Santa come avrei sempre voluto, ho letto il Vangelo tutte le mattine, ho ascoltato i racconti che lei ci ha inviato, brevi storie, ma che fanno riflettere, ho ascoltato il Papa: a proposito dell'abbandono e del tradimento io li ho sperimentati da bambino, da adulto... però da piccolo ho sempre sentito parlare di Gesù. Ho sempre pregato il Signore Gesù. Sempre nei momenti duri e in quelli buoni lo ringraziavo. Nei momenti bui mi affidavo al Signore, gli parlavo, gli chiedevo di portarmi in spalla perché non avevo nessuna forza neanche x pregare. Ce l'ho fatta! E tutti i giorni mi affido a lui, mi impegno a migliorare ogni giorno anche x chi mi è vicino. Ho una bella famiglia. Non sono perfetto, la strada è lunga. Mi sono dimenticato di dire che mio padre era amoroso, ma molto esigente, ricordo un suo rimprovero non solo verbale! Sta di fatto che, o al momento, o anche dopo tanto tempo, capivo che era a fin di bene. Non è così anche con Dio?
La fede è il frutto della preghiera. .Senza fede non c'è speranza, ma solo disperazione.
La fede è il credere nell'esistenza di Dio senza pretesa di avere una dimostrazione diretta e concreta. Per me significa fidarsi di un Dio che ci sta accanto in ogni momento anche quando le cose non vanno come vorremmo.
La fede è credere anche quando tutto sembra andare male, come ieri quando LEI mi mancava da morire e piango, ma so che lei è vicino al Signore. Avere fede è trovare la forza di andare avanti, xchè Lui sento che me la da. Senza fede credo sarebbe molto più difficile proseguire il cammino della vita.
Avere fede è credere che il Signore sa bene quello che fa. E che, anche quando le cose si fanno difficili, è perché Lui, ha scelto di farcele attraversare in quel modo, per farci crescere. Avere fede è andare avanti senza perdere la speranza, nella convinzione che il Signore ci ama e non si dimenticherà di noi.
Alla domanda "cos'è la fede" credo che nella nostra vita, a seconda della fase in cui ci troviamo, si possa rispondere in modo differente.
La risposta a cosa sia la fede cambia perché ognuno di noi, col proprio vissuto, si trova ad affrontare la vita con sempre maggiore responsabilità, e questa responsabilità, se la vogliamo prendere, ci pone di fronte a Dio in modo diverso.
Malgrado tutto quello che vedi, che vivi, che in un mondo globalizzato i media ti fanno vedere, FIDATI.
Una sfida non da poco per i razionalisti, un assurdo, per chi si affida solo al proprio istinto di conservazione col costante pensiero che la vita è solo ADESSO.
AVERE FEDE per me significa CREDERE CHE POSSIAMO FIDARCI DI QUALCUNO che vuole incontrarci dopo questo cammino terreno e ci chiede di tenere pieni tutti i vasetti d'olio perché la nostra lampada rimanga accesa.
Come nella parabola delle vergini, la nostra vita è un cammino lungo il quale è IMPORTANTISSIMO raccogliere e conservare l'olio della fede per presentarci davanti a Dio, vestiti a festa.
Dio non ci chiederà altro: hai mantenuto la fede??
La scorta dei vasetti si fa lungo tutta la strada, e una delle condizioni per raccogliere l'olio, è quella di SENTIRSI FIGLI AMATISSIMI.
Sentirsi figli vuol dire cercare un rapporto con Dio. Anche quando è difficile.
Nel mondo in cui viviamo, in cui ognuno basta a sé stesso e ci sentiamo tutti un po' onnipotenti (ma il peccato originale non era proprio questo???) avere vasetti di questo olio, è ancora più difficile.
Tanti vasetti a tutti!!!
Per me la fede è quella che mi ha trasmesso la mia nonna, quando mi insegnava a pregare davanti al presepe. Quando pregavo con lei la domenica di Pasqua al suono delle campane a festa. La fede è la Messa in latino che ascoltavo accanto a lei e non ci capivo niente. La fede è andare alla chiesa del mio paese e fissare la Croce del Cristo Risorto che la nonna mi ha insegnato ad amare e sentire il cuore colmo di gioia. La fede per me è tenere fra le mani la corona del Rosario che la nonna mi ha lasciato in eredità. La fede è il digiuno di abbracci e di riti religiosi in questo periodo di buio. La fede è fidarmi di Chi "se per un istante mi ha abbandonata, mi riprenderà con immenso amore" (Isaia 43,18-19)
La fede per me è come l'acqua che bevo, è la fonte della mia vita; io prego prego tanto per tutti per noi… per l'amore che ho nel cuore, per l'amore che si chiama VITA
La fede è l'esperienza di essere amati da Dio gratuitamente! La fede non è tanto credere delle cose su Dio, ma credere di più in noi stessi accettando di essere amati davvero! Dio non ha bisogno dei nostri "grazie" o delle nostre frustrazioni. Egli ha bisogno della nostra felicità. L'unica cosa che davvero da gloria a Dio è essere felici.
Sabato Santo sono stato male, il mio pensiero è sempre Gesù: mi aiuta qualsiasi cosa succeda.
Sabato Santo ho detto a Dio: lo so che sei con Tuo Figlio Gesù, che sta tanto male, ma non potevo non chiamarlo (mi mancava il respiro). Ieri tutto bene!
La fede è la consapevolezza di non essere sola, di avere sempre un padre che ci sta accanto.
"FIDUCIA PIENA" del suo amore, sempre e comunque, per tutti indistintamente, in ogni momento della vita (quello felice e quello più doloroso), perché noi siamo suoi. E lui ci ama. Fiducia nella provvidenza, perché senza Lui noi non possiamo farcela, ma se Lui è al nostro fianco allora tutto è possibile.
Sinceramente non so ancora rispondere alla domanda "Che cos'è la fede?"... ci sto ancora pensando. So per certo però che è il più grande dono che io abbia ricevuto dai miei genitori. A volte penso che sia addirittura motivo maggiore di ringraziamento rispetto al dono della vita. È chiaro che ognuno debba poi lavorarci, ma ognuno di noi sulla propria strada incontra persone che donano "semini di fede".
Per me la fede è GRATITUDINE... Gratitudine per tutto ciò che ho, gratitudine per tutte le persone che ho incontrato nella mia vita, che mi hanno fatto crescere nonostante le difficoltà e mi hanno fatto diventare la persona che sono oggi. Gratitudine per tutte le cose belle che ho intorno a me. La fede per me è anche avere la forza di perdonare. Di trovare sempre qualcosa di interessante nelle persone, per potersi confrontare. La fede per me è anche umiltà nel riconoscere i propri errori. La fede è incontro con l'altro, nel rispetto delle sue idee. È imparare a lasciar andare le situazioni che mi fanno soffrire. È crescere sempre ogni giorno, con la certezza che Dio mi ama incondizionatamente e mi da la possibilità di scegliere di essere felice seguendo i suoi insegnamenti...
(giovane) Determinazione forse, non lo so neanche io
La fede... è la fiducia di credere che qualcuno ci ama, ci sostiene; è che a volte ho staccato la spina o meglio la spina era attaccata, ma avevo scordato l’interruttore spento
Per me fede è credere ad ogni costo, è sicurezza a cui aggrapparsi, è certezza che "nulla succede per caso"; è un abbraccio che a volte sento a volte no, perché sono distratta e parlo più con Gesù e la Madonna che con Dio e mi dispiace.
Vivere, sorridere, combattere quotidianamente; la fede non mi mette al riparo da dubbi, angosce e momenti bui. Nel cammino della mia vita, sono in ricerca continua, ma la Speranza non mi abbandona, perché mi fido di Lui.
“Fede non è sapere che l’altro esiste… È vivere dentro di Lui. Calore nelle sue vene. Sogno nei suoi pensieri. Qui aggirarsi dormendo. In Lui destarsi”
La fede è anche fidarsi della Parola di Dio più che della nostra ragione. È obbedire alla Parola di Dio. È sentirsi nelle braccia del Padre, come un bambino nel seno di sua madre!!!!
La fede per me è come un genitore che mi assicura in ogni momento nella vita e mi dice sempre: non ti preoccupare, andrà tutto bene. Ogni volta che sento paura o incertezza mi arriva la voce che dice “stai sereno, sono con te”: le stesse parole che dico io ai miei figli. La fede per me è come un genitore che mi dà la sicurezza sempre, non mi fa mai sentire sola; Cristo è sempre con me.
La fede per me è aver capito che veramente potevo contare su mio Padre vero, vivo presente vicino a me, tutti i giorni, che mi vuole bene come una mamma e un papà tutti insieme con una pazienza ultraterrena, mi guida e mi suggerisce, se resto in contatto con Lui, se sto con Lui, se cado mi aiuta a rialzarmi e vuole che io faccia altrettanto con tutti i miei fratelli. Io mi fido di un papà così. Con poche, pochissime parole mi ha svelato il segreto della vita terrena per vivere su questa terra in pace vera. Con un insegnamento così, in cui credo fermamente nella sua efficacia, credo anche nella Sua promessa rivelata, di portarci in un posto eterno, senza infermità di alcun genere, senza dolori, né tristezze, paradisiaco. Chi è che non vorrebbe andarci?
"La fede è per noi la forza di credere in qualcosa o in qualcuno!
La Fede per me è che io sento sempre di fare il meglio con Lui. Io sempre chiedo a Lui che come ha permesso di farsi conoscere ai Santi, lo permetta anche a me.

Eventi parrocchia:

(Per gli eventi completi vai alla pagina eventi)

Ricerca nel sito:

Contenuti recenti:

...

Condividi questa pagina...

Facebook       Twitter       Whatsapp       Pinterest       File PDF

Home | Archivio | Gallery | Mailing list | Contribuisci | Eventi | Oratorio | Parrocchia | Contatti | App | Info e Cookie

 

Martedì 13 Aprile 2021©2012-2021 Parrocchia Poviglio

 

Credits